Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
18 Luglio 2024

Quanto è decisiva l'altezza nel basket? Le implicazioni nel mondo della pallacanestro

di Pietro Pisano
Condividi
Quanto è decisiva l'altezza nel basket? Le implicazioni nel mondo della pallacanestro

Nel dinamico mondo del basket, ogni giocatore porta con sé un insieme unico di abilità e caratteristiche che possono influenzare in modo significativo il corso di una partita. Un elemento spesso enfatizzato e caratteristico del pensiero comune è l'altezza: il primo fattore visibile e valutabile ad occhio nudo per un cestista che ha da sempre suscitato dibattiti accesi tra gli appassionati di questo sport.

Ma quanto è davvero decisiva l'altezza nella pallacanestro? Esploriamo questo affascinante quesito concentrandoci in primis sul giocatore emergente e sulla bocca di tutti nell’ultimo periodo: Victor Wembanyama, un gigante che sta sconvolgendo gli standard della palla a spicchi.

Victor Wembanyama: la nuova prospettiva del basket

"C'è un nuovo gigante in città" è un'affermazione che risuona nelle menti di ogni tifoso dei San Antonio Spurs e dei tifosi avversari in ogni arena in cui gareggiano: Victor Wembanyama, la prima scelta assoluta al Draft 2023, è infatti destinato a cambiare il panorama della pallacanestro statunitense e non solo. Nonostante in questo avvio di stagione gli Spurs siano costantemente in fondo alla classifica della Western Conference (i texani sono pieni di giovani talenti dal grande potenziale ma ancora troppo acerbi) e nei palinsesti sportivi, come nella pagina del Basket di Betway, siano spesso dati come sfavoriti, il 19enne francese ha già cominciato a incantare con giocate e prestazioni da stropicciarsi gli occhi: è infatti diventato il più giovane giocatore NBA ad aver chiuso una gara con almeno 20 punti e 20 rimbalzi, battendo il record di “Superman” Dwight Howard per 4 giorni di differenza.

Il talento poliedrico di Wembanyama si estende ben oltre la sua altezza fuori dal comune: nonostante arrivi a toccare la bellezza di 7 piedi e 4 pollici di altezza (2 metri e 26 centimetri), è in grado di giocare in varie posizioni e dimostra un arsenale di abilità che va oltre il semplice dominio sotto il canestro.

La sua presenza in campo suggerisce che, seppur in rari casi, anche in un contesto di élite come la NBA, le diversità di abilità e la cura nell’affinamento delle stesse può aiutare a superare le barriere imposte dall'altezza.

Altezza: un vantaggio o uno stereotipo?

L'idea tradizionale è che i giocatori alti in Nba abbiano un vantaggio innato, soprattutto sotto il canestro. Indubbiamente non si può affermare il contrario, ma non è tutto: analizzando da vicino giocatori come Wembanyama, emergono infatti nuove sfaccettature. La sua duttilità e completezza nel gioco dimostrano che l'altezza, sebbene importante, non deve essere considerata l'unico indicatore di successo: la capacità di gestire la palla, il tiro da fuori area e il saper difendere con agilità sono tutti elementi fondamentali e, in questo caso, presenti in un giocatore che sta ridefinendo le aspettative nel basket moderno.

Certo, c'è chi sostiene che l'altezza rimanga comunque un elemento cruciale nel basket, seppur le tendenze in campo sembrano andare in direzione opposta, con quintetti spesso più “bassi” e rapidi: vero è che, soprattutto in situazioni di gioco ravvicinato, un giocatore più alto può godere di un vantaggio fisico difficile da compensare. Il dibattito persiste, con opinioni contrastanti che alimentano la discussione su quanto l'altezza sia realmente determinante per il successo in campo.

La pallacanestro come sinergia di talenti

In conclusione, l'altezza nel basket è un elemento sempre da considerare, ma non dovrebbe essere l'unico parametro di valutazione: Victor Wembanyama incarna infatti la trasformazione in corso ed è lì a dimostrare che un giocatore eccezionale può emergere dalla sinergia di talenti diversi; al di là di come si evolverà la sua carriera e dei trofei che riuscirà eventualmente a conquistare, il francese potrebbe rappresentare proprio l'inizio di una nuova era, dove l'altezza è un ingrediente importante, ma il talento poliedrico è il vero protagonista. Un messaggio importante da trasmettere anche nel corso di eventi educativi a tema sport, affinché resti nella mente dei giovani cestisti del futuro.

Il basket moderno, più in generale, abbraccia sempre di più la diversità e premia la completezza; infatti, agli occhi degli appassionati di questo bellissimo sport è evidente che il successo deriva dalla combinazione unica di abilità, mentalità e, sì, anche un tocco di altezza!

Foto: Immagine di fxquadro su Freepik


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale